«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

giovedì 28 luglio 2016

Il Garante per la privacy apre un’istruttoria sul business delle petizioni di Change.org

Il Garante della privacy ha aperto un’istruttoria su Change.org Inc., l’azienda che gestisce la piattaforma internazionale (è presente in 196 Paesi) di petizioni online. Il sito dovrà fornire dettagli tecnici sulla gestione e il trattamento dei dati personali degli utenti, che solo in Italia raggiungono quota 5,6 milioni. 
«L’intervento - si legge nel comunicato pubblicato dal Garante - si è reso necessario, oltre che a seguito di un’ analisi preliminare già effettuata sul sito, anche alla luce di notizie pubblicate sui media in merito alle specifiche modalità di trattamento dei dati personali, anche sensibili, degli utenti». Del business delle petizioni online avevamo parlato lo scorso 30 giugno su La Stampa , mentre del 18 luglio è un approfondimento del settimanale l’Espresso , che è entrato in possesso di un prezzario per l’acquisto dei contatti email degli utenti.
- continua la lettura su http://www.lastampa.it/

Nessun commento: