«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

venerdì 28 ottobre 2016

Firenze. L’arte accessibile. Musei e progetti per persone con disabilità

Palazzo Strozzi non è solo uno spazio in cui mostrare l’arte ma un laboratorio all’avanguardia per la sperimentazione di nuove forme per rapportarsi alle opere in modo tale che sia accessibile a tutti.
Per ogni mostra, come anche Ai Weiwei.Libero attualmente in corso fino al 22 gennaio 2017, infatti, sono attivi percorsi di visite e incontri per ragazzi con autismo, persone con Alzheimer o affette da diverse tipologie di disabilità fisiche o cognitive: a Palazzo Strozzi ognuno può trovare il proprio modo di incontrare l’arte. Dopo il grande interesse e la grande partecipazione ai convegni A più voci del 2012 e del 2014 dedicati ai progetti per persone con Alzheimer, il 10 e l’11 novembre 2016 la Fondazione Palazzo Strozzi ospiterà il convegno “L’arte accessibile. Musei e progetti per persone con disabilità”: un appuntamento internazionale con presentazioni e workshop dedicati al rapporto tra musei e disabilità, per raccontare e riflettere sul cambiamento in corso nella funzione di musei e centri espositivi, che da spazi di conservazione ed esposizione si sono trasformati sempre più in luoghi attenti al visitatore e alla sua esperienza con l’arte, valorizzando la loro natura di spazi d’incontro e di partecipazione. Il convegno costituisce l’occasione per mettere in rete programmi, approcci, successi e sfide attraverso esempi di best practice di livello internazionale che possano diventare un modello e uno stimolo per il territorio regionale e nazionale a ripensare i luoghi della cultura in chiave inclusiva. Nella giornata di giovedì 10 novembre il convegno prevede una serie di interventi e workshop di professionisti ed esperti del settore (provenienti da istituzioni come la Royal Academy of Arts di Londra, il Philadelphia Art Museum, il Van Abbemuseum di Eindhoven, la University of Leicester e il MAMbo di Bologna) che illustreranno alcuni tra i principali progetti italiani e internazionali per rendere l’arte accessibile a persone affette da Parkinson, disturbi dello spettro autistico e altre disabilità fisiche e cognitive. La giornata di venerdì 11 novembre sarà invece incentrata sui progetti per le persone con Alzheimer, a sottolineare l’impegno pluriennale della Fondazione Palazzo Strozzi e il ruolo guida della Regione Toscana in questo ambito. Queste due giornate vogliono offrire ai professionisti di ambito museale e socio-sanitario, agli educatori e ai familiari la possibilità di condividere esperienze, confrontarsi con nuove metodologie di lavoro e scoprire un nuovo orizzonte di possibilità ed esperienze con l’arte. A sottolineare l’importanza della condivisione e la costruzione di reti si segnala il seminario internazionale Una relazione di senso: patrimoni culturali e Alzheimer organizzato da Università Cattolica del Sacro Cuore che si terrà a Milano il 24 novembre.
(fonte: Press-In anno VIII / n. 2305 - Quotidiano Arte.it del 26-10-2016)

Nessun commento: