«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

lunedì 10 luglio 2017

Per la stampa le persone con disabilità sono ancora “handicappate” o “menomate”.

I giornali spesso usano termini vecchi o impropri per trattare la disabilità. FIABA lancia la proposta di una carta deontologica che aiuti i giornalisti ad utilizzare parole consone 
Lo diciamo spesso: le parole costruiscono al realtà. Nel rappresentarla, le parole possono costruire ponti, o possono contribuire a distruggere le persone. Le parole sono strumenti, e come tali coloro che le utilizzano -  soprattutto in ambito professionale - devono farne un uso consono, appropriato e rispondente alla realtà.
- continua su https://www.disabili.com/

Commento
Parafrasando: per la scuola le persone con disabilità sono anche “diversamente abili"

Nessun commento: