«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

sabato 28 novembre 2015

Roma. All’Ara Pacis un anello che aiuta i non vedenti a «leggere» le opere d’arte

Tooteko riconosce i tag Nfc contenuti nelle repliche delle opere avviando file audio esplicativi.
Giunge da una startup veneziana un dispositivo indossabile che consente a non vedenti o ipovedenti di ricevere una conoscenza adeguata di opere d’arte esposte nei musei e il primo progetto, che ha come testimonial Alessandro Benetton, è quello della accessibilità dell’Ara Pacis, a Roma. La società che ha inventato lo strumento si chiama Tooteko, ed è stata fondata da Fabio D’Agnano e Serena Ruffato, architetti, e da Gilda Lombardi, che si occupa di comunicazione, cominciando da una tesi del Master in Architettura Digitale dell’università Iuav di Venezia.
- continua la lettura su http://corriereinnovazione.corriere.it/

Nessun commento: