«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

venerdì 26 febbraio 2016

Roma. Tecnologie a sostegno delle persone con disturbi dello spettro autistico

Fondazione Telecom Italia e Associazione “Una breccia nel muro” hanno presentato a Roma, nel corso del convegno “Tecnologie a sostegno delle persone con disturbi dello spettro autistico”, le novità tecnologiche sviluppate per il trattamento dei disturbi autistici.
L’iniziativa è stata un’occasione in cui ricercatori, operatori e famiglie si sono confrontati sull’importanza degli strumenti digitali quali dispositivi per la diagnosi precoce, piattaforme di raccolta dati, comunicatori simbolici, giochi, applicazioni, robot, facilitatori dell’interazione – per valutare la portata effettiva delle tecnologie e comprenderne le potenzialità a sostegno del loro impegno quotidiano nel limitare il disagio delle persone interessate da tale disturbo.
Sessione 1 - Ausili comunicativi
- Nicola Filippi e Jacopo G. Romani, Needius: Ausilio comunicativo Blu(e)
- Laura Piattoni, Premedia: Comunicatore a display dinamico Zo’è
- Caterina Di Sorbo, Eubios consociata Sapio: Comunicazione facilitata attraverso Dialog
- Marco Gagliotta, Mondo Ausili.it-Albamathic: Comunicatore simbolico con ipad, iAlbaPad2
- Marco Esposito, Una breccia nel muro: Breccia Apps, giochi su ipad e smartphone nelle aree di deprivazione dei bambini autistici
Sessione 2 - Tecnologie per la raccolta dei dati e per la promozione dell’interazione
- Giovanna Gerardi, Una breccia nel muro, Breccia Health, una piattaforma online per il monitoraggio di trattamenti cognitivo-comportamentali
- Antonio Narzisi, Fondazione Stella Maris: Interventi di teleriabilitazione: il Progetto “Prima Pietra”
- Lezione magistrale. Maria Luisa Scattoni, Istituto superiore di sanità, Dalla ricerca pre-clinica alla ricerca clinica: indicazioni per la diagnosi precoce dei disturbi dello spettro autistico
- Andrea Carboni, CNR e Silvano Solari, Università di Genova: Il progetto SiDoReMi
- Giuseppe Palestra, Saracen: L’utilizzo di robot nel lavoro con il bambino autistico
- Giovanni Marino, Fondazione Marino: Riabilitazione comunicativa e inclusione sociale: il Progetto “Allert”
- continua la lettura su Press-In anno VIII / n. 484 

Nessun commento: