«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

mercoledì 13 maggio 2015

Roma. La sordità in famiglia: esperienze, sogni e bi-sogni

Il convegno nasce dall’esigenza di dare voce alle famiglie che si confrontano con la sordità. Sono le famiglie a vivere quotidianamente l’esperienza della sordità, che riguardi il bambino o i genitori stessi.
La presenza della sordità costituisce comunque una prova difficile per tutto il contesto familiare: essa può divenire fonte di arricchimento qualora si riesca a superare la sofferenza e l’isolamento che la disabilità uditiva comporta e attuare i non facili cambiamenti necessari a costruire una buona qualità della relazione e degli scambi comunicativi. Le istituzioni deputate alla “presa in carico” del bambino e/o dell’adulto sordo (sanità, enti previdenziali, centri abilitativi, scuola) non di rado sembrano procedere con le orecchie chiuse, senza comprendere le variegate necessità e aspirazioni delle persone sorde.
Il convegno si propone di dare voce alle riflessioni delle famiglie sulle personali esperienze e utilizzare i dubbi, i bisogni, i desideri e le aspettative per confrontarsi con le istituzioni in maniera attiva, articolando domande e proponendo anche possibili soluzioni. Protagonisti del convegno saranno le associazioni di familiari e le singole famiglie che desiderano costruire un confronto positivo con i rappresentanti di quelle strutture istituzionali e agenzie educative che necessariamente accompagnano il percorso del bambino e dell’adulto con disabilità uditiva. La finalità è di contribuire alla ottimizzazione dei processi e alla piena inclusione della persona sorda in ogni contesto (familiare, scolastico, sociale, culturale, lavorativo).
Il convegno si concluderà con la redazione di un documento come base per iniziative condivise e strumento di diffusione delle proposte e delle richieste emerse.
Roma, Sala Protomoteca del Campidoglio, 22 maggio 2015 (ore 9-18.30)
INFO: http://www.lachiocciolinaonlus.com/

Nessun commento: