«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

martedì 21 luglio 2015

Braille: l’idea italiana che facilita la stampa e fa community

Programmazione al passo con i nuovi sistemi operativi, tabelle localizzate in più lingue, supporto su vari canali online: storia di un software che nelle scuole, e non solo, può trovare ampio sviluppo
Il testo di un'opera classica in greco antico compare sullo schermo del computer e, con un apposito comando, è disponibile per la stampa in Braille. Stesso discorso per altri documenti, in italiano e in varie lingue, e pure per i grafici, che l'elaboratore di testi traduce in versione tattile. Senza dimenticare la possibilità di creare ebook e audiolibri. Sono queste alcune delle caratteristiche di un software italiano, ora disponibile gratuitamente, che facilita la comunicazione nel senso più ampio del termine. Perché Biblos - questo il nome del programma - favorisce sì l'integrazione tra ciechi e vedenti, ma incoraggia anche lo scambio di suggerimenti e consigli d'uso attraverso i canali social.
- continua la lettura su http://www.disabili.com/

Nessun commento: