«Il futuro è già qui, è solo distribuito male»

William Gibson

sabato 19 settembre 2015

Quando arriva in ospedale chi non può comunicare

È particolarmente interessante l’applicazione per dispositivi mobili iPad, denominata “vi.co Hospital”, che è stata realizzata presso la Fondazione Bambini e Autismo di Pordenone.
Essa si pone infatti come un’interfaccia comunicativa tra persone con disturbi dello spettro autistico o con altre patologie psichiatriche o della comunicazione, e il personale medico e infermieristico, gli operatori terapeutici, i familiari e i caregiver, per consentire l’espletamento di esami clinici in un assetto collaborativo
- continua la lettura su http://www.superando.it/

Domanda
Perchè una Fondazione dovrebbe farsi pagare 11.99 euro l'applicazione?

Nessun commento: